Home » Salute globale

I determinanti della salute. Una nuova, originale cornice concettuale

Inserito da on 25 gennaio 2009 – 10:242 commenti

di Gavino Maciocco

maciocco_slide21I determinanti della salute sono i fattori che influenzano lo stato di salute di un individuo e – più estesamente – di una comunità o di una popolazione. Contano più i comportamenti individuali o il contesto politico, socio-economico e culturale? La discussione non è solo teorica e concettuale; le sue conclusioni hanno a che fare con le strategie di prevenzione e le politiche sanitarie di una nazione. Per questo motivo la Commissione sui Determinanti Sociali della Salute ha prodotto su questo tema uno specifico rapporto e proposto una nuova, originale cornice concettuale.

I determinanti della salute possono essere raggruppati in varie categorie: comportamenti personali e stili di vita; fattori sociali che possono rivelarsi un vantaggio o uno svantaggio; condizioni di vita e di lavoro; accesso ai servizi sanitari; condizioni generali socio-economiche, culturali e ambientali; fattori genetici. La semplice enumerazione di questi fattori non genera alcun problema concettuale; la lista può essere incrementata o ristretta, resa più analitica o sintetica senza che ciò provochi particolari discussioni o controversie.
Le discussioni (e le controversie) iniziano quando si propongono modelli concettuali che pongono in evidenza un fattore piuttosto che un altro, quando stabiliscono una gerarchia di valore tra i vari elementi.

I modelli concettuali rappresentati nelle slide 1 e 2 sono profondamente diversi e propongono antitetiche strategie di sanità pubblica.

Cliccare sull'immagine per ingrandirla

Cliccare sull'immagine per ingrandirla

Secondo il primo modello[1] (slide 1. Fonte USA: Centers for disease control and prevention) lo stato di salute delle persone sarebbe condizionato per il 50% dai loro comportamenti e dal loro stile di vita. Molto meno importanti gli altri fattori: fattori ambientali (20%), fattori genetici (20%), assistenza sanitaria (10%). Si tratta di un modello che mette in primo piano il ruolo gli stili di vita delle persone e rispecchia l’enfasi che negli USA viene posta nella responsabilità individuale nei confronti della salute e delle malattie.

Cliccare sull'immagine per ingrandirla

Cliccare sull'immagine per ingrandirla

Il secondo modello[2] (slide 2, scuole di sanità pubblica del nord Europa) è espresso in una serie di strati concentrici, corrispondenti ciascuno a differenti livelli di influenza. Al centro c’è l’individuo, con le sue caratteristiche biologiche: il sesso, l’età, il patrimonio genetico: ovvero i determinanti non modificabili della salute.
I determinanti modificabili, quelli cioè che sono suscettibili di essere corretti e trasformati, si muovono dagli strati interni verso quelli più esterni: gli stili di vita individuali, le reti sociali e comunitarie, l’ambiente di vita e di lavoro, il contesto politico, sociale, economico e culturale.
Il modello concettuale che abbiamo appena descritto è molto più complesso e articolato del precedente; la grafica a semicerchi concentrici rivela una gerarchia di valore tra i diversi determinanti della salute (sono i semicerchi più esterni, quelli che rappresentano il “contesto”, a influire maggiormente sullo stato di salute). È un modello concettuale che da una parte riflette la cultura europea di welfare state fondata sul “diritto alla salute” e dall’altra fa propria la visione “multisettoriale” della tutela della salute contenuta nella Dichiarazione di Alma Ata[3].

Cliccare sull'immagine per ingrandirla

Cliccare sull'immagine per ingrandirla

Nella slide 3 è riportata la grafica del modello proposto dalla Commissione sui Determinanti Sociali della Salute[4]. Una cornice concettuale che si riferisce non solo ai fattori che influenzano lo stato di salute degli individui e delle comunità (determinanti della salute), ma anche a quelli coinvolti nella diseguale distribuzione della salute all’interno della popolazione (determinanti delle diseguaglianze nella salute).
Leggendo la figura da sinistra a destra si evidenziano i fattori che a diverso titolo hanno un impatto sulla distribuzione della salute e del benessere:
A) Il contesto politico e socio-economico.
B) La posizione socio-economica – [a + b = determinanti strutturali].
C) Condizioni di vita e di lavoro, fattori psicosociali, coesione sociale, comportamenti individuali e fattori biologici, sistema sanitario – [determinanti intermedi].

A. Il contesto politico e socio-economico
Il “contesto” include un ampio insieme di aspetti strutturali, culturali e funzionali del sistema sociale di cui è impossibile quantificare l’impatto sulla salute degli individui, ma che tuttavia esercita una potente influenza su come una società distribuisce le risorse tra i suoi membri e di conseguenza sulle opportunità di salute della popolazione. Gli aspetti del “contesto” possono essere riassunti nel seguenti elementi principali:
a) Governance
b) Politiche sociali
c) Politiche macroeconomiche
d) Valori culturali e sociali

B.  La posizione socio-economica
In ogni società le risorse (denaro, potere, prestigio, conoscenza, etc) sono distribuite in modo ineguale. Questa diseguaglianza si manifesta attraverso un sistema di stratificazione sociale o di gerarchia sociale. Le persone raggiungono differenti posizioni nella gerarchia sociale di una società in relazione ad alcune fondamentali variabili:
a) Reddito
b) Istruzione (indicatori caratterizzati da un’associazione “dose-risposta” con la salute: più elevati sono i livelli di reddito e di istruzione più favorevoli sono gli indicatori di salute)
c) Occupazione
d) Classe sociale
e) Genere
f) Razza/Gruppo etnico

C. I determinanti intermedi

I determinanti che abbiamo in precedenza descritto sono definiti strutturali, i fattori cioè che generano la stratificazione sociale e che definiscono la posizione socio-economica degli individui all’interno di gerarchie di potere, prestigio e accesso alle risorse. Sono i primi anelli di una catena di cause; una catena fatta di altri anelli, di ulteriori fattori causali la cui azione è più direttamente legata all’insorgenza di una malattia (determinanti intermedi).
Le principali categorie dei determinanti intermedi di salute sono:
a) Condizioni materiali: gli standard materiali di vita quotidiana (disponibilità di acqua potabile e di cibo adeguato, riscaldamento, infrastrutture igieniche, etc)  rappresentano probabilmente il più importante determinante intermedio.
b) Condizioni socio-ambientali o psicosociali: lo stress acuto o cronico può essere causa di diverse forme di malattia; la posizione socio-economica di una persona può essere causa di stress a lungo termine e può influire sulla capacità di quella stessa persona di gestire situazioni stressanti e difficili.
c) Comportamenti individuali come abitudine a fumo, alcol, sostanze, alimentazione, attività fisica, molto condizionati dalla posizione socioeconomica.
d) La coesione sociale che espressa dalla qualità delle relazioni sociali e dall’esistenza di reciproca fiducia e rispetto, di reciproci doveri all’interno della comunità, aiuta a proteggere le persone e la loro salute. Società con alti livelli di diseguaglianze nel reddito tendono ad avere meno coesione sociale e più crimini violenti.
e) Fattori biologici non modificabili: patrimonio genetico, età, sesso.
f) Il sistema sanitario. Il modello concettuale proposto dalla Commissione individua nel sistema sanitario un fondamentale determinante sociale di salute, e di equità nella salute, attraverso alcune principali modalità di azione: intervenendo attraverso la prevenzione primaria nelle aree della nutrizione, dell’igiene ambientale, dell’abitazione e delle condizioni di lavoro;  riducendo la vulnerabilità nei confronti delle malattie come le vaccinazioni o il supporto sociale; curando e riabilitando i problemi di salute che costituiscono il gap socioeconomico del carico di malattia (la riabilitazione, in particolare, è spesso trascurata come un potenziale fattore nella riduzione delle diseguaglianze nella salute); proteggendo contro le conseguenze sociali ed economiche della malattia attraverso la copertura assicurativa sanitaria e adeguate politiche del lavoro.

La slide 3, che si muove da sinistra a destra, presenta molteplici meccanismi di feedback, rappresentati da frecce che si spostano in senso inverso. Per esempio la malattia di una persona può influire sulla sua posizione sociale compromettendo le sue possibilità d’impiego e riducendo il suo reddito; così come, a livello di comunità, determinate malattie epidemiche (es: Aids in Africa)  possono produrre gravi danni sul funzionamento di istituzioni sociali, economiche e politiche.

Risorse

Commission on Social Determinants of Health. A Conceptual Framework for Action on the Social Determinants of Health. Discussion Paper (Final Draft), April 2007. [PDF: 1.43 Mb]

Bibliografia

  1. Institute for the future (IFTF), Health and Healthcare 2010. The forecast, The challenge. Princeton: Jossey-Bass, 2003.
  2. Dahlgren G, Whitehead M. Policies and strategies to promote social equity in health. Stockholm: Institute of Futures Studies, 1991.
  3. WHO/UNICEF. Declaration of Alma Ata. WHO, Geneva 1978.
  4. Commission on Social Determinants of Health. A Conceptual Framework for Action on the Social Determinants of Health. Discussion Paper (Final Draft), April 2007. [PDF: 1.43 Mb]
Tag:,

2 comments on “I determinanti della salute. Una nuova, originale cornice concettuale

  1. silvia casagrande on said:

    Un articolo davvero interessante, grazie molte.

  2. Corbella Angela on said:

    sono infermiera docente al corso di laurea in scienza infermieristiche felicissima del sito saluteinternazionale. Già avevo utilizzato molto i due testi Politica salute e sistemi sanitari (Maciocco) e Il diritto ngato (Padovani) per insegnare al corso. Farò conoscere il sito ai colleghi e amici. grazie saluti angela

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>