Home » Aree, Sistemi sanitari internazionali

Chronic Care Model in salsa tedesca

Inserito da on 29 settembre 2014 – 11:32Un commento

sanitàGermaniaGavino Maciocco

L’introduzione del Chronic Care Model (CCM) non ha prodotto solo effetti positivi sulla salute della popolazione tedesca e sul budget delle assicurazioni sociali, ha anche rafforzato il sistema delle cure primarie, molto debole in Germania. I vari componenti del CCM sono stati applicati in maniera rigorosa: dalla creazione di registri di patologia alla proattività degli interventi, dal supporto all’autocura all’adesione a linee guida definite a livello centrale. Tutto ciò ha richiesto lo sviluppo di équipe di cure primarie coordinate da un medico di famiglia che ha la responsabilità della presa in carico del paziente e della continua verifica della qualità degli interventi.


Il 15 settembre scorso abbiamo pubblicato – a firma di Irene Bellini – un post sul sistema sanitario tedesco. Un sistema che è abbondante su tutto: i dati sulle attività ospedaliere – posti letto per mille abitanti, tasso di ospedalizzazione, durata della degenza – sono di gran lunga superiori alla media dei paesi europei, e anche quelli delle attività ambulatoriali: in un anno un paziente tedesco ha 9.7 contatti con un medico (un francese 6.8, un olandese 6.6, un inglese 5.0, uno spagnolo e uno svedese 3.1). Un sistema anche molto generoso dato che offre – a differenza di molti altri paesi europei – un’ampia copertura assistenziale sanitaria e sociale nei riguardi delle persone affette da gravi disabilità.

Eppure, come nota un rapporto dell’OCSE, se andiamo a misurare la qualità dei servizi, confrontandola con quella di altri sistemi la Germania si trova sistematicamente nelle parti medie della classifica e qualche volta più in basso. Un esempio è quello della mortalità evitabile, dove Italia e Svezia (per citare due sistemi Beveridge) hanno dati nettamente migliori della Germania (e anche della Francia, altro sistema Bismarck) – vedi Tabella 1 (anni potenziali di vita persi prima dei 70 anni x 100 mila abitanti).
Tabella 1. Indicatori di spesa sanitaria e di salute – Germania e altri paesi OCSE – 2012

Cliccare sull'immagine per ingrandirla

Cliccare sull’immagine per ingrandirla

Questa distanza tra abbondanza di risorse impiegate/prestazioni erogate (input/output) e relativa scarsità di risultati di salute (outcome) trova una sua spiegazione in diversi fattori: la frammentazione del sistema in una molteplicità di assicuratori e di erogatori, tipica dei sistemi Bismarck; la frammentazione anche geografica (in 16 lander) associata alla debolezza del livello di governo centrale in campo sanitario; l’eccesso di specialisti rispetto ai generalisti; la possibilità dei pazienti di rivolgersi indifferentemente a un generalista o a uno specialista (il più spesso a quest’ultimo); la mancanza di un riferimento nei percorsi assistenziali, ovvero di un medico di fiducia che svolga il ruolo di indirizzo e di filtro (tipico dei sistemi Beveridge); la limitatezza infine degli interventi di prevenzione.

La consapevolezza di questi limiti portò il governo tedesco, nel 2002, a introdurre dei importanti correttivi, sia pur in modo incrementale e volontario. Il primo di questi fu l’individuazione di una figura di un medico di fiducia (in diverse varianti: medico di famiglia con specializzazione, generalista senza specializzazione, internista delle cure primarie; pediatra e ginecologo all’interno delle cure primarie) con il compito di svolgere un ruolo di filtro e di coordinamento dei processi assistenziali (per l’accesso alle cure specialistiche e per i ricoveri ospedalieri). La seconda importante novità, collegata come vedremo alla precedente, fu l’introduzione di forme innovative di gestione delle malattie croniche (Disease Management Programs – DMP) basate sui principi e i metodi del Chronic Care Model (vedi post Assistere le persone con condizioni croniche) .

L’iniziativa partì dal governo centrale e – non essendo obbligatoria – si basò su incentivi a cascata: un fondo nazionale avrebbe finanziato le assicurazioni sociali per ogni caso arruolato tra i loro iscritti in uno dei programmi previsti; le assicurazioni sociali avrebbero erogato un bonus ai medici che arruolavano i pazienti e questi sarebbero stati invogliati a iscriversi non solo in vista del miglioramento della qualità dell’assistenza, ma anche per l’esenzione del pagamento dei ticket per le visite mediche e gli accertamenti diagnostici.

La realizzazione del programma è stata incrementale: nel 2003 sono stati introdotti diabete tipo 1 e 2 e cancro della mammella, nel 2004 la cardiopatia ischemica, nel 2006 asma e bronco-pneumopatia cronica ostruttiva (BPCO). L’adesione ai programmi DMP è stata diffusa in tutto il paese, vasta e crescente.Nel 2010 erano oltre 7 milioni i pazienti arruolati, di cui 3.7 milioni diabetici di tipo 2 e 1.7 milioni di pazienti affetti da cardiopatia ischemica (Tabella 2).

Tabella 2. Germania. Partecipanti ai vari programmi di gestione delle malattie croniche. 2006-2012

2006 2012
Diabete tipo 1 29.000 156.000
Diabete tipo 2 1.948.000 3.749.000
Cancro della mammella 67.000 126.000
Cardiopatia ischemica 635.000 1.700.000
Asma 6.000 799.000
BPCO 8.000 633.000
Totale 2.693.000 7.163.000

Fonte: Bundesversicherungsamt, 2013

I risultati

Numerosi studi hanno dimostrato l’efficacia del programma sia dal punto di vista dei risultati di salute che in quelli economici. Le Figure 1 e 2 mostrano che differenze significative nella mortalità e nell’incidenza delle complicazioni da diabete tra il gruppo di pazienti arruolati e il gruppo di controllo. Le Figure 3 e 4 mostrano che i pazienti arruolati utilizzano meno servizi sanitari (dall’ospedale alle attività ambulatoriali) rispetto ai pazienti del gruppo di controllo, con notevoli risparmi[1,2].

Figura 1. Mortalità e complicanze maggiori da diabete tra pazienti arruolati (intervention) e gruppo di controllo. 2007.

 

Cliccare sull'immagine per ingrandirla

Cliccare sull’immagine per ingrandirla

 

Figura 2. Numero di pazienti per 1000 pazienti partecipanti al programma che sono stati ricoverati almeno una volta con la diagnosi descritta (in confronto con i pazienti non partecipanti). 2006.

 

germaniafigura

Cliccare sull’immagine per ingrandirla

Figura 3. Costi e utilizzazione dei servizi tra pazienti arruolati (intervention) e gruppo di controllo. 2003-7.

Cliccare sull'immagine per l'ingrandirla

Cliccare sull’immagine per l’ingrandirla

Figura 4. Costi e utilizzazione dei servizi tra pazienti diabetici arruolati (intervention) e gruppo di controllo. 2003-7. Baviera, Turingia e Sassonia.

Cliccare sull'immagine per ingrandirla

Cliccare sull’immagine per ingrandirla

Conclusioni

L’introduzione del Chronic Care Model (CCM) non ha prodotto solo effetti positivi sulla salute della popolazione tedesca e sul budget delle assicurazioni sociali, ha anche rafforzato il sistema delle cure primarie, molto debole in Germania. I vari componenti del CCM sono stati applicati in maniera rigorosa: dalla creazione di registri di patologia alla proattività degli interventi, dal supporto all’autocura all’adesione a linee guida definite a livello centrale. Tutto ciò ha richiesto lo sviluppo di équipe di cure primarie coordinate da un medico di famiglia che ha la responsabilità della presa in carico del paziente e della continua verifica della qualità degli interventi.

Risorse
Stock S. et Al. Stock S. et Al. Disease-Management Programs Can Improve Quality of Care for the Chronically Ill, Even in a Weak Primary Care System: A Case Study from Germany, Issues in International Health Policy [PDF: Kb]. The Commonwealth Fund, November 2011. [PDF: 262 Kb]. The Commonwealth Fund, November 2011.

 

Bibliografia

  1. Stock S. et Al. German Diabetes Management Programs Improve Quality Of Care And Curb Costs. Health Affairs 2010; 29(12): 2197–2205
  2. Stock S. et Al. Disease-Management Programs Can Improve Quality of Care for the Chronically Ill, Even in a Weak Primary Care System: A Case Study from Germany, Issues in International Health Policy [PDF: 262 Kb]. The Commonwealth Fund, November 2011.

 

Tag:, ,

Un commento »

  • Giuseppe Leone ha detto:

    Potrebbe essere un’utile esempio da analizzare per irrobustire il sistema di cure primarie purtroppo poco efficiente in Italia. Il decongestionamento degli ospedali e la riospedalizzazione frequente nei pazienti cronici imporrebbe di valutare un sistema di cure per i malati portatori di malattie croniche.

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto, o trackback dal tuo sito. È anche possibile Comments Feed via RSS.

Sii gentile. Keep it clean. Rimani in argomento. No spam.

È possibile utilizzare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un Gravatar-enabled weblog. Per ottenere il tuo globalmente riconosciute-avatar, registri prego a Gravatar.

Pin It on Pinterest