Home » Archivio per mese

Archivio per l'articolo marzo 2015

Salute e Movimenti, 1978-2015: recuperare la memoria storica per guardare al futuro

30 marzo 2015 – 10:01 |

Martina Riccio e Alessandro Rinaldi

Rileggere le attività e le riflessioni sulla Salute Globale guardando al passato ha permesso di recuperare una memoria storica estromessa dalla riflessione attuale sulla formazione e le politiche in salute e, allo stesso tempo, di guardare al futuro sviluppando nel presente nuove pratiche e riflessioni. Se ne discuterà a Bologna il 18 e 19 aprile.

Sanità toscana. Un cattivo esempio

27 marzo 2015 – 09:36 | 5 commenti
Dossier_toscana

Gavino Maciocco

L’approvazione della legge regionale di riordino del sistema sanitario segna una delle pagine più oscure della sanità toscana e rappresenta un cattivo esempio per le altre Regioni che si trovano a fronteggiare i tagli imposti dal governo. Un pessimo esempio per questioni di metodo, di sostanza e di tipologia dei tagli. Un disegno autoritario e accentratore. Un accanimento verso il capitale umano del servizio sanitario regionale.

Workshop nazionale dei GrIS. Firenze 15-16 maggio 2015

24 marzo 2015 – 22:55 |

Workshop nazionale dei GrIS.

Firenze, 15-16 maggio 2015

Aula Magna
AOU Meyer
viale Pieraccini, 24

Programma[PDF: 1,2 Mb]

BAL TALK 1. Salute senza confini-le epidemie al tempo della globalizzazione. Roma 30.03.2015

24 marzo 2015 – 22:44 |

BAL TALK 1. Biblioteca Virtuale “Alessandro Liberati” e presentazione del libro di Paolo Vineis “Salute senza confini-le epidemie al tempo della globalizzazione”
Roma 30 marzo 2015

La controriforma della sanità italiana

23 marzo 2015 – 06:42 | Un commento

Ivan Cavicchi
Con i progressivi tagli lineari della sanità, le Regioni stanno imboccando la strada neoliberista destrutturando il sistema e spingendo almeno parte della domanda verso il privato. Per salvare la sanità pubblica dalla sua controriforma abbiamo bisogno di un pensiero riformatore che combatta la regressività e affronti il limite economico rendendo “compossibili” i diritti delle persone con i limiti economici.

TTIP e TISA. La salute in vendita

18 marzo 2015 – 18:17 |

Stefano Guicciardi

I trattati commerciali fra USA ed UE, modificando le attuali regole a favore della libera concorrenza, potrebbero avere conseguenze negative sulla salute, sia indirettamente attraverso i determinanti sociali e ambientali di salute (lavoro, alimentazione, inquinamento, disuguaglianze, etc), sia direttamente attraverso la mercificazione dei servizi sanitari. Le reazioni in Italia. Il documento della neo costituita Rete Sostenibilità e Salute.

La classifica dei sistemi sanitari europei, secondo l’EHCI

16 marzo 2015 – 10:27 | 6 commenti

Miriam Levi

L’Euro Health Consumer Index (EHCI) 2014 mette a confronto le performance dei sistemi sanitari europei, partendo dal punto di vista del paziente/consumatore. I sistemi “Bismarck”, come Olanda e Germania, continuano a superare quelli “Beveridge”, come Italia e Regno Unito. Tuttavia, mettendo a confronto i primi 5 Paesi Bismarck con i primi 5 Paesi Beveridge, a fronte di una spesa sanitaria pro capite molto più elevata, i risultati di salute conseguiti dai sistemi Bismarck risultano essere di poco superiori a quelli dei sistemi Beveridge.

HIV in Africa. Nuove strategie, nuove sfide

11 marzo 2015 – 10:07 |

Annalisa Rosso

Le ultime linee guida dell’OMS hanno ampliato il target di copertura delle terapie antiretrovirali, raccomandando l’inizio del trattamento in individui con conta dei linfociti CD4 inferiore a 500/mm3. I sistemi sanitari africani, già posti notevolmente sotto pressione dai programmi terapeutici per l’HIV, devono affrontare anche la presa in carico di persone asintomatiche. Le proposte di Medici Senza Frontiere per garantire il raggiungimento delle popolazioni target e l’aderenza alle terapie.

Incontro nazionale: “Movimenti e salute. 1978-2015”. Bologna, 18-19.04.2015

11 marzo 2015 – 09:58 |

Incontro nazionale. “Movimenti e salute. 1978-2015”

Bologna, 18-19 aprile 2015

L’indagine parlamentare sulla sostenibilità del Servizio sanitario nazionale

9 marzo 2015 – 11:28 | Un commento

Marco Geddes

Spendere meglio vuol dire effettuare un’attenta revisione delle prestazioni erogate, acquistare solo ciò che produce salute, ovvero ciò che rappresenta la soluzione terapeutica e tecnologica più appropriata e che garantisce maggiore sicurezza per il paziente. Il finanziamento del Ssn ha subito rilevanti tagli e non è in grado di sopportare ulteriori restrizioni finanziarie, pena un ulteriore peggioramento della risposta ai bisogni di salute dei cittadini e un deterioramento delle condizioni di lavoro degli operatori.

Pin It on Pinterest