Home » Archivio per mese

Archivio per l'articolo aprile 2015

Privatizzare gli ospedali? La via del project financing

28 aprile 2015 – 21:37 | 4 commenti
privatizzazione ospedali

Luca Benci

I servizi non sanitari diventano una gallina dalle uova d’oro per fare rientrare il privato dai costi sostenuti per la costruzione dell’ospedale. Di fatto l’ospedale viene gestito da un privato per un numero enorme di anni con costi di gestione per il socio pubblico che rischiano di essere insostenibili. Secondo la Corte dei Conti del Veneto il project financing non è adatto per gli ospedali. Dal punto di vista dei conti pubblici una vera e propria caporetto.

Il futuro delle cure primarie

27 aprile 2015 – 10:32 | 7 commenti
cure primarie

Gavino Maciocco

Il rinnovamento delle cure primarie, da molto tempo proposto e auspicato, procede in mezzo a mille difficoltà e con grande lentezza. Alla base c’è un deficit nella formazione medica. Una formazione che non va incontro ai bisogni dei pazienti e delle comunità, non promuove il lavoro di gruppo, si focalizza su problemi tecnici senza comprendere il contesto più ampio, si concentra sui singoli episodi e tralascia la continuità delle cure, predilige le cure ospedaliere a spese delle cure primarie. E in Italia abbiamo un problema in più.

L’Europa quando sente parlare di accoglienza mette mano alla pistola

23 aprile 2015 – 12:58 | 2 commenti

Gavino Maciocco

Possiamo distruggere tutti i barconi che vogliamo, possiamo pure bombardare gli scafisti, ma questo non fermerà i crescenti flussi migratori dall’Africa e dal Medio Oriente verso l’Europa. E – oltre ai facili discorsi demagogici – qualche parola di verità sulle radici di questi flussi andrebbe pronunciata.

La bioetica della salute secondo Giovanni Berlinguer

21 aprile 2015 – 11:02 |

Gianna Milano

Giovanni Berlinguer fu tra i primi a rendersi conto del nuovo fronte etico aperto dalle innovazioni rese possibili dalla scienza medica, tanto da rendere necessaria una nuova definizione di morte e di inizio vita. Ma il suo approccio ai temi e ai problemi della bioetica era diverso: la sua era una bioetica “attiva”, del quotidiano. Nella sua analisi della salute e delle sue cause, tra cui spiccava la diseguaglianza, emergeva l’idea che il suo miglioramento dovesse essere frutto di lotte, da parte di cittadini e di lavoratori, più che di qualche concessione da parte delle classi dominanti.

Creso, Solone e la salute di precari e disoccupati

20 aprile 2015 – 09:45 |

Giacomo Galletti

Disoccupazione e precarietà hanno effetti negativi sulla salute. Due studi, uno greco e l’altro italiano, esplorano questi aspetti con un focus sulle differenze di genere, che svela una vulnerabilità significativamente maggiore per le donne.

In futuro l’ospedale

16 aprile 2015 – 11:21 |

Tommaso Langiano

L’ospedale del futuro dovrà essere molto più orientato all’esterno per poter essere sostenibile: i medici ed i componenti i team specialistici dovranno impiegare parte del loro tempo lavorando nella comunità, accanto ai medici di famiglia, ai medici del territorio, ai servizi sociali.

Ripensare la formazione medica

13 aprile 2015 – 22:33 |

Rete Italiana per l’Insegnamento della Salute Globale

La RIISG – Rete Italiana per l’Insegnamento della Salute Globale – ha elaborato un documento nel quale è sinteticamente raccolta la sua posizione rispetto al recente dibattito innescatosi a livello nazionale sulla formazione medica che ha visto coinvolti la FNOMCeO e la Conferenza Permanente dei Presidenti di Consiglio di Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia. Tale documento è stato elaborato attraverso un processo partecipativo che ha coinvolto professori, specializzandi e studenti .

Salute e malattia nell’era della globalizzazione. Modena, 14 aprile 2015

8 aprile 2015 – 09:43 |

Salute e malattia nell’era della globalizzazione.

Modena, 14 aprile 2015
ore 16-18

I medici inglesi dicono basta al mercato

8 aprile 2015 – 08:31 | 2 commenti

Gavino Maciocco
In vista delle elezioni generali che si terranno in UK il prossimo 7 maggio, la sanità è sempre più al centro del dibattito politico. E, a sorpresa, la BMA si schiera contro la recente riforma sanitaria, di cui chiede l’abrogazione. No al mercato, alla competizione, alla separazione tra committenti e fornitori. Il servizio pubblico deve tornare ad essere il principale attore del NHS.

Gli ospedali psichiatrici giudiziari chiudono. Forse

7 aprile 2015 – 12:30 | Un commento
ospedali psichiatrici giudiziari

Cesare Bondioli

La legge 81/2014 introduce un cambiamento di paradigma nella gestione degli infermi di mente autori di reato, per certi versi paragonabile a quello che fu la 180 per la salute mentale. Il 31 marzo 2015 è la data che segna la chiusura formale degli ospedali psichiatrici giudiziari. Ma molte regioni sono ancora inadempienti. Il caso Toscana.

Pin It on Pinterest