Home » Archivio per mese

Archivio per l'articolo ottobre 2015

La salute nelle nostre mani! Clean care is safer care

30 ottobre 2015 – 10:27 | 2 commenti

Lorenzo Righi, Marco Geddes da Filicaia, Gabriele Messina, Nicola Nante

L’appropriata igiene delle mani viene vista dagli operatori come un eccesso di zelo, qualcosa che non influisce realmente sul percorso di cura del paziente. Eppure è riconosciuta come la principale forma di prevenzione delle infezioni correlate all’assistenza (ICA), che hanno contribuito a 7.200 dei 200.000 decessi avvenuti negli ospedali italiani nel 2013.

Assalto finale al Servizio sanitario nazionale

26 ottobre 2015 – 12:05 | Un commento

Gavino Maciocco

In Italia è in atto l’assalto all’universalismo. Ma a differenza di quello che è avvenuto in Inghilterra e Spagna, nel nostro paese l’assalto non ha trovato un percorso politico e legislativo trasparente. In Italia l’assalto c’è, ma non si deve vedere. I politici di turno, commedianti di dubbio talento, dicono e non dicono, dicono e si contraddicono, promettono e smentiscono, gettano cortine fumogene per coprire l’enorme danno che stanno infliggendo alla popolazione italiana.

Responsabilità professionale. Chi decide le Linee Guida? Lettera aperta all’Onorevole Gelli 

22 ottobre 2015 – 11:06 | 6 commenti

Alberto Donzelli, Alessandro Battaggia, Paolo Longoni, Giulio Mariani, Luca Mascitelli, Alessandro Nobili, Gianfranco Porcile e Alberto Aronica

Attribuire per legge alle Società scientifiche la titolarità di definire le linee guida per chi lavora nel SSN significherebbe per il SSN abdicare alla sua titolarità e responsabilità di tutela della salute dei cittadini assistiti. Per avere buone pratiche/linee guida di riferimento nazionali è necessaria la partecipazione di esperti senza conflitti di interesse, investimenti per formare professionisti idonei a valutare criticamente le prove disponibili e a sintetizzarle in bozze di raccomandazioni, da aprire ai contributi/commenti pubblici e della comunità scientifica prima dell’adozione formale.

Vaccini e obbligo vaccinale. Lettera aperta al Ministro Lorenzin

20 ottobre 2015 – 12:07 |

Massimo Valsecchi

Ritengo che il ventilato tentativo di incrementare le adesioni vaccinali ricorrendo ad un filtro coercitivo da esercitare a livello scolastico sia, in realtà, inefficace. È già stata tentata in questo Paese ed è, immediatamente, stata bloccata con un ricorso alla Corte Costituzionale che ha sancito che il diritto alla salute e quello all’istruzione si equivalgono come valori costituzionali e che, di conseguenza, non è possibile impedire l’accesso a scuola ai bambini non vaccinati. Ma esistono soluzioni alternative per garantire la necessaria copertura vaccinale.

Consumo di alcol, politiche di prevenzione e culture del bere

19 ottobre 2015 – 12:30 |

Allaman Allamani

Le misure risultate più efficaci per ridurre il consumo di alcol sono: le restrizioni del tasso alcolemico alla guida; le restrizioni della disponibilità di bevande alcoliche, per luoghi e orari di vendita; e l’introduzione dell’età minima per l’acquisto delle medesime. I fattori socio-economico-demografici hanno invece un impatto molto più importante sul cambiamento dei consumi alcolici. Il quadro europeo e italiano.

Progetto InNov@FIMMG. È questa l’innovazione dei medici di famiglia?

13 ottobre 2015 – 15:03 | Un commento

Alice Cicognani, Viviana Forte e Cecilia Francini

Si prende un modello noto e collaudato, come il Chronic Care Model. Lo si utilizza, molto parzialmente, per una sola malattia, con la sponsorizzazione di una ditta farmaceutica. E questa la chiamano innovazione? E i medici che partecipano sono consapevoli di essere parte attiva della relazione intrinsecamente conflittuale e insidiosa tra professionisti sanitari e industria farmaceutica?

L’appropriatezza prescrittiva permette realmente di risparmiare?

12 ottobre 2015 – 10:06 | Un commento

Intervista a Nino Cartabellotta

Le politiche sull’appropriatezza non servono a contenere la spesa sanitaria, ma a ridistribuire le risorse. Infatti, l’inappropriatezza può essere in eccesso (overuse) o in difetto (underuse): ridurre la prima permette di recuperare risorse, implementare la seconda richiede investimenti. Di conseguenza, qualunque strategia per ridurre l’inappropriatezza deve essere guidata dal principio del “disinvestimento e riallocazione”.

XXXIX Congresso dell’AIE – Alimentazione e Salute nell’era della globalizzazione. Milano, 28-30 ottobre 2015

8 ottobre 2015 – 10:59 |

XXXIX Congresso dell’Associazione Italiana di Epidemiologia (AIE): Alimentazione e Salute nell’era della globalizzazione
Milano, 28-30 ottobre 2015

Hôpitaux de Paris. Focus sull’Ospedale Europeo George Pompidou

7 ottobre 2015 – 09:37 |

Francesca Ciraolo e Marco Geddes

L’Ospedale Europeo George Pompidou rappresenta un prototipo rispetto a gran parte della edilizia ospedaliera che si sta sviluppando in questi ultimi anni, una applicazione ante litteram del modello predisposto in Italia dalla commissione presieduta da Renzo Piano. La sua funzione di carattere urbanistico è tale da caratterizzare il quartiere nel suo complesso, perdendo il carattere di recinto esclusivo, impermeabile e specialistico.

Tutti pazzi per EXPO

5 ottobre 2015 – 10:09 |

Vittorio Agnoletto
In EXPO si trovano opere belle e brutte, come in ogni fiera, ma nulla che abbia a che fare con l’impegnativo titolo “Nutrire il pianeta, energia per la vita”. Si ripete che ci sono 800 milioni di persone che soffrono la fame e ci si affida alla McDonald’s e a Eataly; cibo globalizzato e di scarso nutrimento per le masse, cibo d’eccellenza per l’élite.

Pin It on Pinterest