Home » Aree, Sistemi sanitari internazionali

Trumpcare. Dalla propaganda alla realtà

Inserito da on 20 marzo 2017 – 10:32Lascia un commento

Stefano Guicciardi

A distanza di soli due mesi dal suo insediamento l’amministrazione Trump ha dimostrato un notevole attivismo anche in campo sanitario. Quelli che sembravano discorsi spavaldi si stanno già trasformando in atti amministrativi e in proposte di legge che ridurranno nei prossimi anni i livelli di protezione per milioni di persone. Inoltre la riforma fiscale prevede la riduzione delle tasse dello 0,9% sui redditi individuali superiori ai 200.000 dollari e su quelli familiari superiori ai 250.000 dollari. Il 2% più ricco della popolazione sarà così beneficiato di un taglio di tasse di 275 miliardi di dollari, si tratta di un enorme trasferimento di ricchezza dalle fasce a reddito medio e basso ai più ricchi.


Uno dei principali mantra della campagna elettorale di Donald Trump è stata la sua avversione alla riforma sanitaria di Obama – Affordable Care Act (ACA), più nota come Obamacare –, testimoniata dall’impegno di abrogarla immediatamente, una volta entrato alla Casa Bianca (vedi Da Obamacare a Trumpcare).

C’era molta propaganda nelle affermazioni spavalde di Trump, si sapeva che l’abrogazione della riforma di Obama non poteva essere immediata, non solo per i (lunghi) tempi parlamentari richiesti ma anche perché durante la campagna elettorale non era stata presentato un piano alternativo che sostituisse la vituperata riforma.

Tuttavia a distanza di soli due mesi dal suo insediamento l’amministrazione Trump ha dimostrato un notevole attivismo anche in campo sanitario.

L’offensiva è iniziata con un Ordine esecutivo firmato da Trump[1]. Un atto dal forte valore simbolico più che pratico, con cui la nuova amministrazione ha voluto rimarcare il mantenimento delle promesse elettorali minando l’eredità in politica interna della precedente. Dal punto di vista dell’iter legislativo, tuttavia, le conseguenze non sono né immediate né scontate. Gli ordini esecutivi, previsti dall’articolo 2 della Costituzione Americana, sono atti emessi dal Presidente di sua volontà o su delega del Congresso finalizzati ad orientare le attività del Governo Federale. Il documento di 9 paragrafi firmato da Donald Trump conferisce alle agenzie governative il mandato di agire per “minimizzare gli spropositati carichi economici e regolamentari dell’ACA”, ma non specifica nel dettaglio quali debbano essere le azioni concrete da intraprendere[2].

Tale ordine non cancella o modifica alcuna legge, ma potrà aprire margini di manovra su alcuni dei punti cardine introdotti dall’Obamacare, come ad esempio l’individual mandate: dal 2014 ogni cittadino americano non coperto da Medicare, Medicaid o dal proprio datore di lavoro ha l’obbligo di stipulare un’assicurazione sanitaria pena il pagamento di un’ammenda, a meno che non riesca a dimostrare difficoltà finanziarie. In quest’ultimo caso è possibile richiedere un’esenzione e svincolarsi dall’obbligo assicurativo senza incorrere in sanzioni.

L’ordine di Trump potrebbe allargare i criteri o creare nuove classi di esenzione, una scelta che in un contesto di libero mercato assicurativo rischia di trasformarsi in un pesante boomerang: se meno individui in salute avranno l’obbligo di stipulare una polizza, il costo per assicurare i cittadini rimanenti aumenterà in maniera significativa, portando le compagnie ad alzare i prezzi o ad uscire dal mercato[3].

Ogni ordine esecutivo può ad ogni modo essere impugnato di fronte all’autorità giudiziaria in caso di sospetta violazione Costituzionale, una carta che i democratici stanno valutando di usare proprio come fecero i Repubblicani con Obama nel 2014[4]. Pertanto, per conoscere il destino dell’Obamacare sarà molto più importante osservare l’esito del dibattito tra Democratici e Repubblicani all’interno del Congresso, il solo ad avere il potere di modificare una legge.

Il 16 febbraio, Paul Ryan, Presidente della Camera ha illustrato alla convention Repubblicana un documento intitolato “A Better Way” con le attese indicazioni operative per sostituire l’Obamacare[5].

Il disegno di legge definitivo, frutto della sintesi di bozze elaborate da due distinte Commissioni Repubblicane, è stato presentato dallo stesso Paul Ryan il 6 marzo con il nome di American Health Care Act (AHCA), subito ribattezzato “Trumpcare”[6].

Tra le modifiche proposte rispetto all’ACA le più significative sono le seguenti (vedi anche Affordable care act House Republicans Unveil Plan to Replace Health Law).

  • Eliminazione dell’individual mandate, ovvero dell’obbligo ad assicurarsi.
  • Introduzione di sussidi basati sull’età e non più sul reddito.
  • Rimozione di ogni credito d’imposta sulle spese out-of-pocket.
  • Ridimensionamento di Medicaid – il programma con cui Obamacare garantiva alle famiglie con basso reddito la copertura assicurativa con fondi pubblici – con l’introduzione di un limite dei fondi erogati ad ogni Stato.
  • Possibilità, da parte delle compagnie assicurative, di imporre premi fino a cinque volte più onerosi agli individui anziani rispetto ai giovani.
  • Promozione e sviluppo del Health Savings Account – HSA (un programma lanciato dal G.W. Bush nel 2003 – vedi nota #.

Accanto a queste misure che penalizzano gravemente – anche dal punto di vista economico – le fasce meno favorite della popolazione, la riforma fiscale prevede la riduzione delle tasse dello 0,9% sui redditi individuali superiori ai 200.000 dollari e su quelli familiari superiori ai 250.000 dollari. Ciò ha fatto affermare al senatore democratico Bernie Sanders: “Il 2% più ricco della popolazione sarà beneficiato di un taglio di tasse di 275 miliardi di dollari, mentre la popolazione comune pagherà molto più cara l’assistenza sanitaria: si tratta di un enorme trasferimento di ricchezza dalle fasce a reddito medio e basso ai più ricchi”.

Vedi video U.S. Senator Bernie Sanders

Non sono invece state proposte modifiche su alcuni punti chiave dell’Obamacare, in particolare sul divieto da parte delle compagnie assicurative di porre limiti temporali alle polizze e di rifiutare assicurati in caso di condizioni mediche pre-esistenti. Anche la possibilità per i giovani lavoratori di rimanere a carico dei piani assicurativi dei genitori fino a 26 anni non ha subito emendamenti.

Nel complesso l’AHCA ha ricevuto critiche negative sia da parte dei Democratici,  che da alcune correnti Repubblicane[7].

L’American Medical Association, l’American Hospital Association e l’American Nurses Association hanno inoltre espresso il loro disappunto con 3 differenti lettere, sottolineando il concreto rischio di una diminuzione complessiva del numero degli assicurati e di un sovraccarico economico sulle fasce meno abbienti della popolazione[8,9,10].

Il Congressional Budget Office, l’agenzia federale che si occupa delle analisi economiche e finanziarie del Congresso americano, in un report del 13 marzo ha stimato che l’AHCA porterà ad una riduzione di 24 milioni di individui coperti da polizza entro il 2026, a fronte di una di una riduzione del deficit federale di circa 337 miliardi di dollari nel medesimo periodo[11].

Il mantra Repubblicano rimane in ogni caso “repeal and replace”, “abrogare e rimpiazzare”, ma sulle tempistiche il partito pare al momento diviso tra coloro che spingono il piede sull’acceleratore e coloro che invece chiedono tempo per elaborare una proposta alternativa più articolata.

Di sicuro i primi potranno contare sul georgiano Tom Price, nuovo Segretario della Salute e dei Servizi Umani a capo dell’omonimo dipartimento e da sempre attivo oppositore dell’Obamacare, su cui già gravano accuse di conflitto di interessi a causa di personali compartecipazioni azionarie in aziende biomedicali[12].

Al netto delle reazioni politiche nazionali ed internazionali, delle proteste di piazza e della satira dei Late Night Show, rimane la percezione che il “fenomeno Donald Trump”, in tutto ciò che incarna, sia ancora forse sottovalutato.

Richard Horton, direttore di Lancet, in un articolo del 3 dicembre 2016 ha affermato: “dovremmo essere più rilassati sulla presidenza di Donald Trump. Primo: molto probabilmente effettuerà un solo mandato. […] Quinto: si accorgerà che incitare all’odio durante una campagna elettorale non si traduce facilmente in politica. Non implementerà nemmeno un briciolo di quello che ha dichiarato fino ad ora. […] I prossimi 4 anni potrebbero essere non così male come si pensa.”[13]

Come testimonia la proposta di budget per il 2018 presentata il 15 marzo, contenente una riduzione complessiva del 18% dei fondi destinati al Department of Health and Human Services, per ora la nuova amministrazione, almeno nelle intenzioni, sembra andare in direzione opposta[14].
Stefano Guicciardi. Medico in formazione specialistica in Igiene e Medicina Preventiva presso l’Universita’ di Bologna. Short Term Scholar alla Harvard TH Chan School of Public Health di Boston.

Bibliografia

  1. Lee MJ, Tami Luhby. Trump issues executive order to start rolling back Obamacare. CNN, 21.01.2017.
  2. Executive Order Minimizing the Economic Burden of the Patient Protection and Affordable Care Act Pending Repeal. The White House. Office of the Press Secretary, 20.01.2017.
  3. What Does Trump’s Executive Order Against Obamacare Actually Do? Nytimes.com, 
  4. House G.O.P. Files Lawsuit in Battling Health Law. Nytimes.com, 
  5. American Hospital Association 07.03.2017 
  6. ANA-AHCA. OppositionLetter
  7. American Health Care Act [PDF: 1,6 Mb] Budget Reconciliation Recommendations of the House Committees on Ways and Means and Energy and Commerce, 09.03.2017
  8. First on CNN: Trump’s Cabinet pick invested in company, then introduced a bill to help it. CNN, 17.01.2017
  9. Offline: Looking forward to Donald Trump. JAMA 2016; 388(10061):2726
  10. America First A Budget Blueprint to Make America Great Again  [PDF: 1 Mb]

Nota

  • # Health Savings Account (HSA). Si tratta di un modello lanciato da George W. Bush nel 2003 e già collaudato. Consiste di due componenti: un deposito bancario riservato alle spese sanitarie e un’assicurazione con alto livello di franchigia che copre le spese catastrofiche. Il deposito bancario (HSA) viene alimentato da versamenti annuali (anche a rate mensili). In caso di malattia le persone attingono all’HSA per sostenere i costi delle prestazioni; nel caso che le spese sanitarie prosciughino completamente il conto, si farà ricorso alle risorse personali fino al raggiungimento del tetto della franchigia, al punto cioè in cui interviene l’assicurazione.  HSA è una formula che funziona bene per chi è in grado di mettere da parte dei soldi ed è in condizioni di discreta salute, da sconsigliare per tutti gli altri (per approfondimento vedi l’articolo Health Saving Accounts, PDF: 121 Kb).
Tag:, , , ,

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto, o trackback dal tuo sito. È anche possibile Comments Feed via RSS.

Sii gentile. Keep it clean. Rimani in argomento. No spam.

È possibile utilizzare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo è un Gravatar-enabled weblog. Per ottenere il tuo globalmente riconosciute-avatar, registri prego a Gravatar.

Pin It on Pinterest