Prima pagina »

20 giugno 2018 – 09:53 | 2 commenti

Jessica Potter, Federica Turatto, Jacopo Bianchi e Chiara Milani

La recente stretta sui migranti nel Regno Unito ci aiuta a capire i rischi di una strumentalizzazione dell’immigrazione per giustificare politiche di tagli alla sanità, ai danni delle fasce più vulnerabili della popolazione, favorendo quello che è uno scontro fra poveri. Docs Not Cops (Medici non Poliziotti) è una rete di attivisti a cui hanno aderito operatori sanitari, studenti, insegnanti e pazienti, migranti e cittadini inglesi, che si batte contro le nuove leggi sull’immigrazione e per reclamare il valore dei principi fondanti il sistema sanitario britannico.

Leggi l'articolo completo »
Innovazione e management

Innovazioni organizzative, tecnologiche e gestionali nei sistemi sanitari

Migrazioni e salute

Le migrazioni attraverso le condizioni di salute dei migranti

Salute globale

La salute “senza confini” in un mondo globalizzato e interdipendente

Sistemi sanitari internazionali

Come affrontano la questione sanitaria i diversi paesi del mondo

Formazione in salute globale

Pensare e agire la salute per generare cambiamenti

Gli screening, uno strumento che può ridurre le diseguaglianze nella salute

14 giugno 2010 – 07:49 | 2 commenti

Donella Puliti, Gianfranco Manneschi, Carlotta Buzzoni, Emanuele Crocetti e Marco Zappa Nella programmazione sanitaria è grande importanza valutare l’efficacia di interventi destinati alla riduzione delle disuguaglianze ed a tutela dei gruppi svantaggiati. Il caso …

Riforma sanitaria e cure primarie in USA

9 giugno 2010 – 09:33 |

Gavino Maciocco
I primary care physician devono diventare leader nell’impegno di evitare ospedalizzazioni prevenibili per pazienti con malattie croniche, eliminare procedure inappropriate, ed aiutare le persone a morire con la minima sofferenza e senza spendere …

Gaza continua a soffrire. E la responsabilità è anche nostra

7 giugno 2010 – 08:02 | 8 commenti

Angelo Stefanini
Il blocco ha creato la mancanza di beni di prima necessità limitando pericolosamente il diritto degli abitanti di Gaza alla salute, all’istruzione, ad un riparo, alla cultura, alla crescita personale e al lavoro.

Epicrisi sulle modalità di contrasto della pandemia. Riflessioni e proposte per il futuro

2 giugno 2010 – 18:32 | 3 commenti

Massimo Valsecchi
Dialogo sui Farmaci ha organizzato un incontro pubblico con l’obiettivo di analizzare criticamente le azioni che a livello nazionale e internazionale sono state messe in atto per contrastare la pandemia causata dal virus A(H1N1). …

Poliomielite in Tajikistan

31 maggio 2010 – 09:24 | 5 commenti

Michele Grandolfo
L’epidemia in Tajikistan mette in discussione lo stato di “polio free” della regione europea dell’OMS e le attuali strategie vaccinali.

Rapporto Osservasalute 2009. Stato di salute e qualità dell’assistenza nelle regioni italiane

26 maggio 2010 – 11:10 |

Tiziana Sabetta
Il Rapporto Osservasalute 2009 evidenzia il consolidamento dello stato di salute degli italiani che risulta complessivamente buono, ma aumentano sempre più le differenze tra macroaree geografiche, tra singole regioni e tra uomini e donne.

La sicurezza in sala operatoria – un problema mondiale

24 maggio 2010 – 08:57 | 5 commenti

Marco Geddes e Francesca Ciraolo
Si stima che almeno la metà delle complicanze chirurgiche siano evitabili: prevenirle significa introdurre cambiamenti di sistema, culturali e comportamentali. Lo strumento introdotto dall’OMS per affrontare il problema.

Treatment and care towards the end of life: good practice in decision making

20 maggio 2010 – 23:22 |

Treatment and care towards the end of life: good practice in decision making. General Medical Council, 20 May 2010. [PDF: 673 Kb]

Malattie dimenticate (Neglected Tropical Diseases) – Siamo a una svolta?

19 maggio 2010 – 07:12 |

Filippo Curtale
Una serie di articoli dedicata da Lancet alle malattie dimenticate potrebbe rappresentare il punto di svolta nel riconoscere l’importanza di queste malattie, le più diffuse tra le popolazioni povere del pianeta.

L’ospedale cardiochirurgico di Emergency in Sudan: un’iniziativa controversa

16 maggio 2010 – 22:17 | 27 commenti

Enrico Materia, Angelo Stefanini, Gavino Maciocco
Il caso solleva una questione di costo-opportunità: in un contesto di risorse poverissime, cosa potrebbe essere fatto alternativamente con un dato investimento finanziario.

Pin It on Pinterest